ddWeyhrichphotography-3

Il bambino nasce

Quando la testa del bambino è uscita, spesso si verifica una pausa delle contrazioni. Si aspetta quindi la contrazione successiva per far uscire il resto del corpo. Il bambino nasce, e il tempo si ferma per un secondo nell'universo. Il modo in cui possiamo reagire in seguito cambia molto da persona a persona. Con il primo figlio non è insolito che ci vogliano diversi minuti prima che la donna capisca che il bambino è nato. Se si chiede alle donne, la risposta di solito è "il mio primo pensiero è stato: ora è finita" e che si sono sentite confuse riguardo a tutto ciò che hanno attraversato. Se hai già avuto un figlio, di solito la sensazione di " adesso il bambino è nato” arriva più rapidamente e il bambino viene accolto più velocemente.

Ovviamente, sei tu che determini con quale ritmo avvicinarti a tuo figlio. Prima di tutto devi "renderti conto" per essere in grado di legare con il bambino. I partner tendono comunque a reagire molto più velocemente e capire che il bambino è nato. Nel giro di un minuto di solito il bambino dice con un urlo: sono arrivato!

A questo punto l'ostetrica fà una rapida valutazione dello stato di salute del bambino attraverso la cosiddetta valutazione di Apgar. Ciò significa che l’ostetrica controlla il respiro del bambino, il colore della pelle, i riflessi del bambino, come batte il cuore e il tono del corpo. La maggior parte dei bambini riceve nove punti dopo1 minuto e 10 punti dopo 5 minuti, che poi contano come punteggio pieno. Poi, spesso viene prelevato un campione di sangue dal cordone ombelicale che mostra il livello di l'ossigenazione nel bambino. Il cordone ombelicale viene tagliato dopo 3-5 minuti o quando le pulsazioni nel cordone ombelicale si sono interrotte. Il bambino ha bisogno di questo tempo per ricevere il sangue rimasto nella placenta. Spesso è il partner che taglia il cordone ombelicale - l’ostetrica di solito chiede sempre se è una cosa che i genitori desiderano fare. Il bambino è ora sul tuo petto, pelle a pelle perché è là che il bambino si sente più sicuro. Per favorire l'allattamento al seno, è bene che il bambino rimanga con sua madre fino a quando la prima poppata è terminata. Durante questa prima volta il bambino riceve un'iniezione vitamina K per prevenire emorragie interne. La vitamina K è normalmente prodotta nell’intestino del bambino, ma poiché ci vogliono un paio di giorni, si somministra alla nascita come misura preventiva.

Fonte: - Abascal, G., & Huss, M. S. (2018). Att föda. Bonnier Fakta.