Il bambino

Il bambino

A questo punto l’embrione ha una lunghezza di 4-8 mm ed è provvisto di una piccola coda. Quando ci si riferisce alla lunghezza dell’embrione in questo stadio si è soliti parlare della lunghezza misurata dalla testa alle natiche dal momento in cui le gambine (che in questa fase nemmeno si vedono) sono spesso piegate e difficilmente misurabili. Questa unità di misura viene chiamata CRL, corrispondente ad un acronimo per le parole crown-rump length, ovvero “lunghezza cefalo-sacro” in italiano.

In questo periodo iniziano a spuntare le dita di mani e piedi assumendo un aspetto simile a delle pagaie. A questo punto il cuore ha sviluppato un atrio destro e sinistro e pulsa con circa 110-160 battiti al minuto che corrisponde ad un numero raddoppiato rispetto al cuore di un adulto. Se si esegue un’ecografia in questo stadio si può intravedere un cuoricino che batte sul referto ecografico. In questa fase l’embrione è pure in grado di eseguire alcuni movimenti riflesso, come ad esempio alzare ed abbassare il braccio e girarsi.

Per quanto riguarda i polmoni, i reni, il fegato e gli organi genitali interni questi ora si saranno quasi sviluppati appieno. Proprio per via dello sviluppo di tutti gli organi interni l’embrione si trova in una fase molto delicata. Per via dell’importanza cruciale di questa fase è fondamentale che la futura mamma continui ad astenersi da sostanze che possano incidere negativamente sullo sviluppo del bambino, come ad esempio l’alcol, la nicotina, le droghe ed alcuni farmaci. Una buona regola da seguire a questo proposito è di consultare sempre un’ostetrica od un medico prima di assumere farmaci in gravidanza.

Pregnancy Week 7 Baby beige
La mamma

La mamma

Sei all’apice della stanchezza? Allora non sei sola. Molte di coloro che aspettano un bambino descrivono le prime settimane di gravidanza come un girare per casa sbadigliano e fantasticando sulla prossima volta che potranno adagiarsi sopra un letto per dormire. Forse questo aspetto ti suona familiare per via delle tue precedenti gravidanze. La stanchezza può diventare molto palese se gli altri bambini più grandi non dormono ancora bene di notte e se hai già del sonno arretrato. Forse ci sarebbe qualcuno vicino a te a cui potresti chiedere di sostituirti per un breve tempo mentre ti riposi un po’? In questa fase il tuo corpo è in piena attività e i livelli degli ormoni di gravidanza permangono alti. Il tuo corpo sta fabbricando una ulteriore piccola vita. 

I primi tempi possono inoltre comportare dei giramenti di testa ed alcune donne svengono pure. Ciò è dovuto al fatto che la pressione arteriosa tende naturalmente a scendere all’inizio. Tutto questo non è pericoloso ma ovviamente potrà arrecare disagio. Altri rimedi per contrastare i capogiri e lo svenimento in gravidanza possono essere mantenere stabile il tasso di glicemia nel sangue, bere in abbondanza, fare ricorso a calze a compressione graduata, non alzarsi di colpo o stare in piedi troppo a lungo. 

I tuoi capezzoli potrebbero emergere più di prima e le areole (ossia la pelle che circonda i capezzoli) tendere a scurire. Questo cambio di pigmentazione sta a significare che il tuo corpo già da adesso si sta preparando per l’allattamento. Di solito la pelle tende a rischiarirsi di nuovo dopo la nascita del bambino.

Dieta

Cerca di evitare di “mangiare per due”. Nel corso del primo trimestre il corpo necessita di un apporto energetico aggiuntivo corrispondente ad un frutto in più al giorno. Nel corso del secondo e del terzo trimestre il fabbisogno energetico aumenta di una merenda aggiuntiva al giorno, ad esempio un panino, un pezzo di frutta ed un bicchiere di latte animale o latte di avena o latte di soia non zuccherato e arricchito di vitamine. Cerca di evitare i dolciumi ma piuttosto di completare la tua dieta con un integratore multivitaminico che contenga anche dell’acido folico.

Cerca di variare la tua alimentazione inserendoci molta verdura verde e alimenti ricchi di ferro come carne e prodotti di farina integrale. Ricordati che anche le lenticchie, i piselli, i fagioli, i vegetali a foglia verde e la frutta secca contengono del ferro. 

Se sei sovrappeso al momento di inizio gravidanza sarebbe bene parlare con un’ostetrica od un dietologo per ricevere suggerimenti alimentari, raccomandazioni e supporto in merito. Di regola a chi è sovrappeso si suggerisce di cercare di limitare al massimo l’aumento ponderale in gravidanza. La motivazione dietro ad una tale precauzione risiede nel fatto che il sovrappeso è un fattore che aumenta il rischio di incorrere in delle complicazioni sia per la madre che per il bambino.  

Se hai avuto in passato o se hai un disturbo dell’alimentazione in corso è importante che tu ti assuma la responsabilità di informare la tua ostetrica od il tuo medico di fiducia. Esistono oggigiorno degli aiuti validi in questo campo. In alcuni casi un disturbo alimentare presente peggiora in compresenza di una gravidanza. Sia per la madre che per il bambino è importante assumere l’apporto energetico e nutriente richiesto. 

Alcool e Nicotina

Per quanto pertiene all’alcool e alla nicotina vige una tolleranza zero verso queste sostanze dal momento in cui sei consapevole di essere incinta e fino alla nascita del bambino. Questa posizione molto rigida è dovuta al fatto chesia l'alcol che la nicotina raggiungono il tuo bambino direttamente passando per la placenta. Inoltre il fegato del bambino non è in grado di metabolizzare l’alcool, motivo per cui anche un solo bicchiere di vino lo condizionerà. Inoltre è bene tenere a mente che anche la birra, alcune tipologie di sidro ed altre bevande ancora possono contenere dell'alcool. L’alcool può procurare dei danni irreversibili al feto.  

Farmaci

Consulta sempre la tua ostetrica, il tuo medico od il tuo farmacista di fiducia prima di assumere degli antidolorifici. Questo vale anche per i farmaci che sono disponibili senza ricetta. Se assumi dei farmaci prescritti con ricetta dovrai sempre consultare la tua ostetrica od il tuo medico in merito ed a volte può rendersi necessario cambiare farmaco.

Movimento

L’esercizio fisico ed il movimento in generale in gravidanza apporta dei benefici essendo che fanno bene sia alla madre che al bambino. Gli studi condotti in materia hanno dimostrato che uno dei benefici dell’attività fisica consisterebbe in una riduzione della nausea in gravidanza e dello stress, nonché in una migliore qualità del sonno.

Potresti tuttavia diventare più “affannata” del solito per via del maggiorato flusso sanguigno. E’ quindi importante ascoltare il proprio corpo ed i segnali che ci manda! Va però anche considerato il fatto che nella maggioranza delle persone prevale la pigrizia. A maggior ragione diventa quindi importante spronarsi con gentilezza e trovare il tempo e le energie per fare attività fisica. Se non fai ancora attività fisica questa è un’ottima occasione per iniziare. Ricorda che è l'esercizio fisico che riusciamo a mettere in pratica che avrà un effetto benefico e non quello che programmiamo e basta!

Molte persone hanno timore di intraprendere un'attività fisica per un presunto rischio di aborto spontaneo. Per questo motivo è doveroso da parte nostra sottolineare che NON è tecnicamente possibile indurre un aborto spontaneo attraverso l'esercizio fisico. 

Riposo

Se avverti un eccesso di stanchezza in questa fase iniziale di gravidanza ti suggeriamo di trovare dei momenti nell’arco della giornata in cui poter riposare. Forse hai la possibilità di riposarti un poco durante la pausa pranzo mentre sei al lavoro, oppure se sei a casa con bambini piccoli potresti sfruttare il momento del loro riposo pomeridiano per riposare tu stessa. Cerca di essere indulgente verso te stessa e meno ambiziosa in termini di quante cose vorresti riuscire ad incastrare nell’arco della giornata. Aspettare un bambino quando si hanno già altri figli richiede spesso molte energie, specie se si tratta di bambini che sono ancora piccoli.

Pregnancy week 7 Mother beige
Il partner

Il partner

Già in questa fase la futura mamma potrebbe sentirsi molto stanca e forse si renderà necessario disdire delle attività previste. Potrebbe rivelarsi utile tenere a mente la vasta portata del processo che il suo corpo sta attraversando, come anche lo sforzo sia fisico e psicologico cui viene sottoposta. Un modo per dimostrarle il tuo supporto potrebbe essere quello di farla dormire di più al mattino.

Scopri di più sugli altri trimestri: